Collane-store

151–175 di 199 risultati

  • Copertina un figlio a ogni costo

    Un figlio a ogni costo. I miei anni con Severino Antinori


  • La notte maga

    Mattia e Anna sono due ragazzi trentenni in attesa della nascita del loro primo figlio; in una notte fatta di sofferenza e di attese infinite, il protagonista ripercorre le tappe che hanno portato lui e la moglie a questa lunga nottata di travaglio. Quattro co protagonisti: Aldo, il nonno di Mattia, un uomo dei campi che esprime, in ogni suo gesto o parola, saggezza e concretezza; Romeo, il ‘compagno di merende’ con cui Mattia vive avventure comiche e dissolute; il Destino, qui nelle vesti di un giullare, che gioca a proprio piacimento con le vite dei protagonisti; Marina, l’ostetrica che accompagna Anna nel suo travaglio, autentico pilastro a cui si aggrappa la giovane nei momenti disperati di sconforto. La storia si snoda tra amori e tradimenti adolescenziali, divertenti bravate giovanili, anime che si perdono e altre che vanno a nascere, in un’altalena di emozioni contrapposte, tra saggezza e comicità, fino a un sorprendente, inatteso, poetico finale.

    Vi sono momenti, nel corso di una vita, in cui le parole non servono a nulla, e per comunicare e capirsi bastano pochi cenni oppure un incrocio di sguardi


  • Storie di carne umana in salsa barbecue

    Mauro è l’addetto smaltimento rifiuti organici della San Gerolamo, rinomata clinica di chirurgia estetica del nord Italia. Un giorno ha l’idea che può farlo diventare ricco: produrre salamelle di carne umana con gli scarti di carne e grasso, che la San Gerolamo deve smaltire dopo gli interventi. Assieme al cognato Angelo e alla sorella Silvana, titolari della storica macelleria Rebecchi ora però con pochi clienti, Mauro realizza la sua idea. Incredibilmente, la macelleria Rebecchi torna agli antichi splendori: le Saluman, le salsicce di carne umana, sono un successo. Tanto da attirare in pochi mesi l’interesse della Multibon, potente multinazionale alimentare, disposta a spendere un’ingente cifra per impadronirsi dell’idea. Attorno intanto, si intrecciano le storie degli abbienti pazienti della San Gerolamo, molti costretti a confrontarsi con la crisi, una vera liposuzione sociale. E alla lunga l’idea di Mauro deve misurarsi con le leggi di mercato e il cinismo di questo periodo storico.


  • La casa dei sogni

    Ivo è un senzatetto, ma non è nato per strada. Anche Ivo aveva una casa come tutti. Figlio di emigranti italiani è ancora un bambino quando la famiglia decide di trasferirsi nel paese di origine. Ma è già abbastanza grande per non sentirsi a casa. È l’inizio di una catena di eventi quotidiani che lo porteranno a cercare con sempre più tenacia di rimettere a posto le cose, di costruirsi una casa con le proprie mani, prima diventando architetto, poi partendo lui stesso, per Londra, e con una propria famiglia. Ma l’interruzione iniziale ritorna a galla: le incomprensioni con sua moglie Rebeca portano alla fine del matrimonio, un investimento sbagliato causa la perdita di tutti i suoi risparmi, finché arriva ad abbandonare suo figlio e il suo stesso tetto, l’appartamento in cui vive ormai da solo e di cui non è più in grado di pagare l’affitto. Da Londra arriva a Parigi, attraversa tutta la Francia fino al mare della Costa Azzurra, in cerca di una casa che forse non è più possibile trovare.

    «C’è sempre un affitto da pagare».


  • (In)Giustizia&dintorni – Un maresciallo nel porto delle nebbie

    Valutato 3.00 su 5

    Il maresciallo dei carabinieri Matteo Solitro, da poco promosso e trasferito a Roma, è incaricato di indagare su un omicidio e si dedica completamente al caso. Le apparenze conducono a sospettare di un giovane immigrato tunisino, ritenuto colpevole dal capitano che comanda la compagnia, ma Solitro non è d’accordo perché, indagando, ha trovato elementi che conducono in altre direzioni. Le deduzioni di Solitro vengono osteggiate dai cosiddetti “poteri forti”; nel frattempo si verificano altri omicidi che rendono il caso sempre più complicato. Solitro non può lasciare che un innocente faccia da capro espiatorio e continua nelle indagini, anche dopo esserne stato estromesso dal suo comandante. Dopo aver visto naufragare il proprio matrimonio ed essersi reso conto che non riuscirà ad infrangere il muro di gomma che si frappone tra lui e la verità, il maresciallo lascerà l’Arma, imponendo, però, alcune condizioni…

    “Non muoverti, o ti scanno!”, le parole furono sussurrate al suo orecchio con tono dolce, quasi amorevole, mentre una lama le premeva la gola.


  • Sognando Kafka

    Sognando Kafka trae spunto dal racconto di Jordi Sierra i Fabra La bambola viaggiatrice. In quest’opera Kafka, che vive a Berlino, davanti al pianto di una bambina che ha perso la sua bambola, dice d’essere il postino delle bambole e ogni giorno porta alla bambina una lettera della bambola.

    Nel mio lavoro, in cui sono presenti elementi surreali e reali siamo ai nostri giorni e  la bambina, ormai molto anziana, saputo che Kafka è in giro per l’Europa insieme a Dora Diamant, va alla sua ricerca per sapere di più sulla bambola. In questa ricerca la donna è aiutata da un germanista che vive a Venezia e da una ragazza praghese.

    La storia è ambientata in alcune città italiane ed europee ed in alcune di loro l’incontro potrebbe essere possibile.


  • Il mondo degli invisibili

    Improvvisamente, chi direttamente e chi indirettamente, a causa di un incidente automobilistico: il geometra Dino Ciattino, l’architetto Emanuela Maria Leva e Barbara Pistagna, moglie dell’imprenditore Benedetto Dalprete, persone benestanti con qualche problema famigliare, sono costretti sulla sedia a rotelle. Fin dalla loro prima uscita dopo la convalescenza in compagnia delle loro badanti, sono catapultati in un mondo al limite dell’inverosimile. Il caso vuole che i tre vengano subito a contatto tra di loro, ignorando di essere le vittime di quello stesso incidente. Subito dopo fanno la conoscenza di Gaetano Bresci e Felice Orsini, sulla sedia a rotelle da parecchi anni, ma provenienti da uno status sociale più umile. Parlando tra di loro, le persone meno abbienti mettono in evidenza le loro difficoltà nell’ottenere i benefici di cui avrebbero diritto a causa di una burocrazia incredibilmente sorda, mentre i più fortunati economicamente affermano di non aver avuto nessun problema.


  • Cuore zingaro – Vol.1 Amore a prima vista

    Valutato 5.00 su 5

    VOLUME I

    Stana, una zingara russa dagli occhi color ghiaccio e i capelli color dell’ebano. Una storia ambientata negli anni della seconda guerra mondiale. Una ragazza da sempre ripudiata e tormentata a causa delle sue origini. Il regime non accetta nessuno che sia minimamente diverso dal suo prototipo di razza ariana. Una trama toccante dalle linee profonde e pervasa da emozioni reali. Un racconto femminile a cuore aperto. Stana conoscerà tanti diversi sentimenti e numerosi stati d’animo nella sua vita, ma alla fine riuscirà a conoscere anche il vero amore. E questo amore sarà capace di vivere al di sopra delle forti ferite e incancellabili cicatrici che la vita le ha dato? Stana riuscirà a credere nonostante tutto nell’amore e a renderlo immortale superando ogni tipo di distanza? Scopriremo che anche un piccolo pezzo del nostro cuore è zingaro come quello della protagonista di questo romanzo. Una storia di emancipazione femminile dalle tinte moderne pervase di realistica speranza.

    …nascondeva la magia di una strega


  • Amore e psiche ai tempi del carsharing


  • Un amore di città


  • Ognuno finisce come può


  • Copertina Ore nell'utero della bassa

    Ore nell’utero della bassa


  • Copertina All'ombra del faro

    All’ombra del faro


  • Copertina Il pesce rosso

    Il pesce rosso


  • La luna allo zoo

    Valutato 5.00 su 5

  • Il paradosso della Luna

    Valutato 5.00 su 5

  • Un quieto amore


  • Né morti, né più vivi


  • La nevicata


  • L’idromele Parte Prima

    Valutato 5.00 su 5

  • Cieli neri


  • Batticuore Bluff


  • Bar all’angolo e altri racconti


  • Le lune di Filomena

    Le Lune di Filomena

    Valutato 5.00 su 5

  • copertina vivi da impazzire

    Vivi da impazzire

    Valutato 5.00 su 5