Segni di un linguaggio diverso

(7 recensioni dei clienti)

 22,90

Confronta
COD: 9788885452510 Categoria: Tag: , ,

Descrizione

Storia di una iniziazione. Un mondo simbolico archetipico e sconosciuto, quello percepito in immagini mitologiche. Un mondo altro fatto di impulsi, anime e creature, avvertito però come l’essenza del nostro pianeta, in cui l’individuo, pur senza cessare di sentirsi uno e uno solo, percepisce e sa con chiarezza che il tutto che ci circonda (visibile e invisibile) è un Unicum vivente.  Non dunque un libro sull’esoterismo o sulla filosofia, ma un percorso iniziatico attraverso segni di un linguaggio diverso.

Accanto a me si materializzò un Giaguaro, poderosa massa pelosa, lo sentivo respirare, percepivo il calore del suo corpo…

Ogni volta, a ogni slancio, a ogni spinta, Sogno dopo Sogno, punto i piedi per resistere, per mantenermi nella mia dimensione ordinaria, ma ogni volta li punto un po’ più tardi, ogni volta la percezione di questa mancanza di dimensioni diventa più netta e resisto nell’ignoto qualche minuto in più.

 

 

 

 

 

 

7 recensioni per Segni di un linguaggio diverso

  1. giacomo pericoli

    Un libro diverso, non solo nei segni. Un italiano scorrevole, con vena una di ironia, adatta sia per mantenere un’adeguata concretezza, sia per raccontare una vicenda tanto incredibile, in questa società. cultura, quanto realistica. Una vicenda, che in una cultura basata sulla logica, apre un varco di visuale su qualcosa d’altro.
    Racconto distante da narrazioni della new age, che narra di qualcosa molto particolare ed assolutamente originale. Almeno per noi, oggi. Meno originale in un antico passato quando queste vicende erano la norma o quando, come presso i Greci amanti della logica o presso i praticissimi e concretissimi Romani, certi fatti avevano diritto e vita come la razionalità e la tecnica.

  2. Guido Filippi

    Una storia notevole, scorrevole e suggestiva di un mondo più ampio, oltre i comuni sensi.

  3. lisa

    Vivace e coinvolgente, ci costringe a pensare ad una spiritualità diversa dalla nostra. Tra sogni e fantasie, allucinazioni, visioni e follia, il libro vuole indurci a tentare di uscire dalla caverna per percepire altro, come diceva Platone, non casualmente citato nel testo. Molto interessante.

  4. Luca Ketmaier

    E’ un libro insolito, sorprendente, dalle cui pagine scaturisce un legame molto forte con la natura. La profonda conoscenza della materia trattata e la creatività del narratore toccano la mente e l’anima. Davvero interessante!

  5. Stefano Gragnani

    Conosco il mondo esoterico-filosofico di mio nipote Nicola e in quanto attore di teatro sperodi poter presto interpretare il ruolo del professore di questo libro dopo il suo sicuro successo editoriale!

  6. AB

    Il libro non è male: è ben scritto, complessivamente scorrevole e spesso anche divertente ed autoironico. A volte, tuttavia, risulta, non so come dire, un po’ ridondante e ripetitivo, facendo assumere alle esperienze riferite qualcosa di ”artificioso“, di costruito a tavolino. Perché, in fondo, nella magia esistono delle armonie naturali, delle consonanze cromatiche e quasi musicali che ogni Ermete coglie e restituisce in modo immediato.

    Mail priva di virus. http://www.avast.com

  7. M. Paola Gragnani

    Non ho ancora finito di leggerlo ma pur essendo un linguaggio non facile mi attrae molto. C’è mistero, non c’è “ovvietà” ma un lasciar presagire, un po’ come un thriller! Insomma, ti tiene legato. Dalle righe traspare anche una cultura notevole, non solo filosofica. Uscire dall’ordinarietà non è sempre un desiderio degli autori ma anche del lettore. Per ora do un “nove”. Vedremo quando l’ho finito.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.