• img-book

    Luigi Lacquaniti

ISBN:9788885452190
Categorie: ,

Le stanze antiche

di: Luigi Lacquaniti

È possibile narrare una cosa intima e essenziale come la sessualità, senza cadere nella pornografia? È quello che ha tentato di fare l’autore con questi racconti. La sessualità è narrata ora in modo esplicito ora sottinteso, ma sempre come parte irrinunciabile dell’esistenza. All’origine una domanda dettata da un ricordo d’infanzia: la passione può avere la […]

  • €11.90
  • €11.90
  • €11.90
  • €11.90
Chiudi
Incontro con l’autore
avatar-author
    Cinquant’anni, originario di Palmi, ha vissuto a Desenzano del Garda, dove tutt’ora lavora. Valdese, parlamentare della Repubblica Italiana, ama la campagna e il cinema. Da qualche anno vive in un’antica cascina nella campagna mantovana che sta portando a nuova vita. Scrive per passione.
    Libri di Luigi Lacquaniti
    Per saperne di più
    Informazioni su questo libro
    Panoramica

    È possibile narrare una cosa intima e essenziale come la sessualità, senza cadere nella pornografia? È quello che ha tentato di fare l’autore con questi racconti.
    La sessualità è narrata ora in modo esplicito ora sottinteso, ma sempre come parte irrinunciabile dell’esistenza. All’origine una domanda dettata da un ricordo d’infanzia: la passione può avere la meglio sulla morte?
    Questi racconti così diversi, così lontani l’uno dall’altro, nello spazio e nel tempo, narrano che la sessualità è sempre figlia della libertà e della vita. E chi confonde la libertà col possesso, la vita con il culto della morte, è destinato a perdersi.
    «Più faccio l’amore, più ho voglia di fare la rivoluzione», ammonisce ancora il Maggio parigino da uno dei muri della Sorbona. «Più faccio la rivoluzione, più ho voglia di fare l’amore».
    In questo senso dunque la sessualità, vissuta gioiosamen¬te e senza sensi di colpa, nelle piccole rivoluzioni della nostra esistenza, contribuisce certo a dare senso alla vita.

    Dettagli

    ISBN: 9788885452190
    Editori: Il Seme Bianco
    Data Pubblicazione: 2017
    Pagine:

    “Le stanze antiche”

    Non ci sono ancora recensioni.