Il banchetto segreto

Confronta
Categoria:

Descrizione

Una sera di fine brumaio del 1793, in una cella della Force prison, il deputato, simpatizzante della Gironda, Alain François Mordent, attende di essere ghigliottinato. La Convenzione è, ormai, alla mercé dei sanculotti e del Comitato di salute pubblica. L’opposizione non è più tollerata e Robespierre dà via al massacro dei girondini. Nella sua lacera camicia, Alain nasconde un carboncino con cui scrive su un brandello del suo jabot la parola: rõti, ‘arrosto’. Riesce a convincere un guardiano sanculotto a portare il frammento a un deputato montagnardo, Emile Frissard, poiché “grande giustizia per la Repubblica” deriverà da quello strano messaggio Da quell’ultimo gesto, di rivalsa e di vendetta, si dirama una storia inquietante che ci riporta alle atmosfere tumultuose e violente della Rivoluzione francese.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il banchetto segreto”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.