Arenaria
Storia

Storia

Visualizzazione di tutti i 2 risultati

Ordina per:
  • img-book

    Storie e leggende di donne di: Edmondo Vittoria

    Un po’ saggio, un  po’ biografia, un po’ leggenda.

    Questo libro tratta solo di donne. Storie e leggende di donne tratteggia sedici figure femminili: belle, determinate, colte, filantrope, ammaliatrici, assassine, sante, divinatrici, innocenti. Personaggi diversi. Tutti accomunati da una personalità forte e volitiva che non si ferma mai alla superficie, ma che è disposta anche all’estremo sacrificio.

    Quando il serpente tentò Eva non fu un caso: questa aveva un fascino e una personalità molto più stimolanti di quella di Adamo.

    La divinazione è stata un’esigenza primaria delle popolazioni primitive.  Gettava un ponte sul futuro. Aiutava a dissipare l’incertezza dell’ignoto. Accattivava il favore degli dei. Aiutava l’individuo a dare un senso alla propria vita.

  • img-book

    Vita e morte di Alberto Coppola di: Antonio Areddu

    Alberto Coppola: vita e morte dell’industriale farmaceutico di via delle Alpi nn° 11-13 – Roma, fucilato dai fascisti in piazza di Siena il 31 maggio 1944

    Sinossi

    Un mistero lungo settantadue anni. Un groviglio di dati erronei, notizie false e documenti molto probabilmente scomparsi, protegge di fatto alcune verità inconfessabili legate a un episodio di borsa nera che costa la vita ad Alberto Coppola. Dobbiamo aspettare il secondo dopoguerra per ritrovare il suo nome citato, seppure brevemente, da Paolo Monelli (Fiorano Modenese, 15 luglio 1891 – Roma, 19 novembre 1984) nel suo libro Roma 1943 (la cui prima edizione è stampata dalla Migliaresi Editore nei primi mesi del 1945.

    Strillo

    «É fucilato Alberto Coppola condannato a morte per avere sottratto zucchero alla fabbricazione di medicinali». (Roma 1943, Paolo Monelli)

    «Continuavano le sedute dei Tribunali militari, le condanne a morte, le esecuzioni per tradimenti, per atti della guerra clandestina; ma anche per infrazioni a decreti ormai superato dagli avvenimenti; per cui con assurda e stupida ferocia, per «dare un esempio», che non giovava a nulla, fu condannato a morte, e fucilato il 1° giugno, un povero diavolo, Alberto Coppola, reo, nientemeno di avere sottratto zucchero alla fabbrica dei medicinali»3.

    Nel 2000 la XVI Circoscrizione e l’Anpi di Roma pubblicò un libro a cura di Augusto Pompeo, Forte Bravetta 1932-1945. Storie Memorie Territorio. Nel 2006 uscì la seconda edizione. Questo testo confuse il nome di Alberto con quello del fratello Alfredo (Roma, 5 aprile 1908-Roma, 4 marzo 1991) ricordando però che la fucilazione fu dettata da un reato annonario. La confusione diventò bizzarra quando qualche pagina più in là venne fatta una ricostruzione pasticciata ad elementi di verità.

    Bisognerà aspettare la fine del 2012 quando uscì il libro di Augusto Pompeo, Forte Bravetta. Una fabbrica di morte dal fascismo al primo dopoguerra, Odradek edizioni, che attraverso un lavoro d’archivio puntuale e meticoloso riportò a galla la triste storia.

    Emerse finalmente un dato. Alberto Coppola era stato fucilato dai fascisti a villa Borghese e lo stesso autore nel ricostruire la vicenda affacciò anche una serie di dubbi:

    «Molte cose sorprendono in questo triste episodio, la severità della condanna, in primo luogo – anche se le accuse erano fondate e, in tempo di guerra, l’accaparramento di viveri e la loro rivendita in modo illecito potevano essere puniti con la massima pena – la celerità del provvedimento, il fatto che a celebrarlo siano state le autorità italiane e non quelle tedesche e che, per portarlo a termine, sia stato creato un tribunale ad hoc. Non ultimo che l’esecuzione, affidata a un plotone della Gnr, sia avvenuta a piazza di Siena»5.

     

    NOTE

    1 Cfr. L. VILLARI, Prefazione a P. MONELLI, Roma 1943, Einaudi, Torino, 1993, p. V.
    2 Ivi, p. 301.
    3 Id., La liberazione di Roma dieci anni fa. Una settimana di battaglia, in «La Nuova Stampa», 19 maggio 1954, p. 3.
    4 A. POMPEO (a cura di), Forte Bravetta 1932-1945. Storie Memorie Territorio, ricerche documentarie e bibliografiche di L. SEVERI e D. SCATOLINI ed elaborazioni delle immagini in cd a cura di L. SALVATORI del Servizio di Grafica digitale dell’ASR, p. 33.
    5 Id., Forte Bravetta. Una fabbrica di morte dal fascismo al primo dopoguerra, Roma, Odradek edizioni, Roma, 2012, p. 215.