Author avatar
Maurizio Gregorini

Anni ’80: nella prima metà della decade è direttore creativo e responsabile grafica di una importante catena di locali di intrattenimento distribuiti fra Genova, la riviera ligure e la riviera romagnola ed è titolare dell’agenzia di grafica “l’Arcimboldo”.
Pubblica altresì la sua prima raccolta di poesie, “Eretica, erotica, eroica” presso Cultura Duemila Editrice.

Nella seconda metà degli anni ’80, dopo aver frequentato la scuola di regìa a Roma, realizza una quindicina tra documentari spot.
Con il filmaker Matteo Ricchetti fonda il gruppo “Le Fibre Ottiche”; vince il 2° premio al New York Film Festival nella sez. videoarte, e il 1° premio ex aequo al Filmaker festival di Milano.

Anni’90: Si trasferisce a Milano e lavora dapprima come assistente alla regìa televisivo presso Rete 4 Mediaset. In seguito come regista esterne ai programmi “Buon Pomeriggio”, “Buongiorno Italia”(Rete4) “Target” e “Ciro il figlio di Target” (Canale 5).

Poi torna ad essere free lance e lavora per svariate case di produzione: Realizza come regista spot pubblicitari, documentari, videoclip.
Scrive, produce e gira da indipendente il lungometraggio sperimentale “Finzione” (pellicola B& N).

Fonda a Genova l’agenzia di casting e location “Cinefilia” che appoggia, nei suoi quattro anni di vita, molte produzioni nazionali ed internazionali.

Verso la metà di quegli anni fa di nuovo ritorno a Genova per fondare la “Scuola d’Arte Cinematografica” che dirige ancora a tutt’oggi”
Fonda il gruppo “Veleno Productions”, che produce filmati sperimentali.

Gli vengono conferiti i premi “Telequalità” e “Lumière per la didattica nel cinema”.

Come sceneggiatore scrive a quattro mani con Mauro Graiani il mediometraggio “Fede Cieca” che vince il premio Cult e viene girato in 35 mm. dal regista e dir. della fotografia Stefano Coletta.
Scrive con Paolo Calissano e Mauro Graiani la prima bibbia della fiction TV “Guardia Costiera” ( poi “Gente di mare”) per Palomar Produzioni. Elabora diversi soggetti per la fiction e per il cinema (LuxVide, Seven Hills).

Anni 2000: dà alle stampe la sua seconda raccolta di poesie “Zucchero e Veleno”, illustrata da Luigi Maio e pubblicata da Liberodiscrivere.

Concretizza gli interessi per la fotografia realizzando reportage assortiti e mostre insieme alla fotografa Sabrina Losso: “Il G8 di Genova”, “Bahia, il cuore nero del Brasile”.

Nell’ anno 2006 fonda la casa di produzione documentaristica Videodarte.

Negli anni seguenti produce numerosi documentari e si dà alla scrittura (scrive tre romanzi) e al collezionismo librario del novecento. Sviluppa anche, son sempre maggiore intensità, la passione per le esplorazioni del territorio ligure, per la cultura e le tradizioni locali.

Libri di Maurizio Gregorini
Altri autori